LA MECCATRONICA

La figura professionale dell’Ingegnere Meccatronico è trasversale a grandi aree dell’ingegneria, quali l’Ingegneria Elettrica, Meccanica, Elettronica, Informatica ed anche delle Telecomunicazioni. L’obiettivo principale è quello di automatizzare i sistemi di produzione per semplificare il lavoro dell’uomo e aumentare l'efficienza produttiva delle imprese e quindi la ricchezza e i consumi. 

Un fondamentale ambito di applicazione è la robotica. 

Il diagramma di Eulero fatto dal Rensselaer Polytechnic Institute spiega cosa sia la meccatronica.

La meccatronica 1

 

Al Sud siamo in forte ritardo! Un mio allarme di circa 15 anni fa venne sottovalutato! Speriamo, grazie, forse, anche al alcuni miei incontri recenti e passati con i Meccanici, sia la volta buona! 

Secondo Legambiente <<La Circumvesuviana si conferma tra le tratte ferroviarie peggiori d’Italia tra guasti tecnici, soppressioni di corse, ritardi imprecisati, sovraffollamento e insicurezza!>> 

Alcune tipologie di incidenti stradali sono aumentati così come le marche delle auto e la loro complessità! 

L’occupazione giovanile è diminuita del 10% mentre quella degli anziani è aumentata del 16%! (Si preferiscono i tecnici esperti ai neolaureati) 

L’Ansaldo, l’Alenia, la Fiat ed altri gioielli sono scamparsi, se ne sono andati o se li sono comprati! (La globalizzazione, l’automazione, la complessità delle nuove aziende, le piccole dimensioni dell’Italia che non è riuscita ad integrarsi con i big, il grande debito pubblico hanno fatto sì che stiamo perdendo la partita della progettazione e della produzione, … ) 

Quindi servono (purtroppo, come auspicano le grandi aziende multinazionali) molti giovani con “Laurea Professionalizzantein Ingegneria Meccatronica dei sistemi di trasporto (auto, treni, funivie, navi, ascensori, …), degli impianti di condizionamento (degli edifici pubblici e privati, delle celle frigorifere, delle serre, …), degli impianti di gestione delle acque bianche e nere, delle macchine agricole, degli impianti di produzione manifatturiera di prodotti di eccellenza, degli impianti di produzione di nuovi prodotti chimici, farmaceutici, alimentari, … . Nelle Fachhochschule tedesche - le università delle scienze applicate - studiano 800mila giovani e i laureati sono il 30 / 40% dei laureati tradizionali! 

Per una buona riuscita del corso di laurea (o dei corsi di laurea) bisognerebbe utilizzare come docenti prevalentemente Professionisti che hanno sempre messo e mettono al primo posto gli interessi delle Aziende e dei Clienti, non esposti politicamente, selezionare gli Studenti ed attrezzarsi con Laboratori all'avanguardia (come quelli dei Politecnici, di alcuni Istituti Tecnici del Nord e delle Fachhochschule tedesche), per attirare, prima ancora che gli studenti, gli addetti ai lavori. I locali a Napoli ci sono; c’è la meravigliosa sede di S. Giovanni, che è sottoutilizzata. Bisogna solo attrezzarla con Laboratori.

 

Prof. G. Celentano